marketing funnel

Funnel marketing è un termine in cui ti sei imbattuto nel momento in cui hai dovuto valutare quale strategia di vendita applicare. Se ti sei domandato cos’è e perché è indispensabile, questo articolo è il luogo adatto per scoprirlo. 

Ecco cosa significa funnel marketing, le tipologie presenti e come crearlo.

 

Cos’è il Funnel

Il funnel marketing in italiano può essere tradotto come marketing a imbuto. Cosa vuol dire?

È un sistema attraverso cui potrai valutare e ricreare il processo che porta un consumatore a diventare tuo cliente. Ciò significa che attraverso il suo utilizzo, potrai condurre un utente dal web ad effettuare una precisa conversione sul tuo sito, come un acquisto.

Il funnel viene anche definito come path to purchase, ovvero percorso dell’acquisto. Perché l’imbuto? Questa immagine è significativa per indicare come avviene un processo di vendita che assomiglia a questo oggetto. Ecco il perché.

Infatti, devi considerare il web come un luogo in cui il numero di tuoi potenziali clienti sono infiniti, ma proprio per questo raggiungerli non è semplice.

Attraverso una seri di strategie di marketing potrai attirare l’attenzione di un certo numero di utenti, generando la consapevolezza di aver necessità di uno specifico prodotto:

  • inizia l’ingresso dell’imbuto
  • Della percentuali utenti che sei riuscito ad attrarre, solo un certo numero, minore rispetto a quello inziale, avrà un interesse per i tuoi prodotti e servizi. L’imbuto si sta restringendo.
  • Alcuni preferiranno passare ad altri siti, altri si fermeranno perché indecisi, mentre un gruppo ristretto prenderà in considerazione l’acquisto sul tuo sito.
  • Il passaggio finale sarà quello di convincere il cliente a completare la procedura concludendo una conversione come un acquisto oppure la compilazione di un modulo.

Come puoi evidenziare, se all’inizio il numero di lead, ovvero di soggetti interessati era elevato, solo alcuni completeranno la conversione finale. Ecco che si è determinato l’imbuto del Funnel Marketing.

A questo punto ti potrai domandare del perché utilizzarlo. Per rispondere a questa quesito puoi considerare i dati che dimostrano come il 97% delle persone che visita un sito, alla fine sceglierà di cambiare pagina. Inoltre, il 67% di coloro che decidono di effettuare una conversione alla fine ci ripensano decidendo solo in un secondo momento di concludere l’operazione.

Il risultato? Avrai generato molte visite, ma alla fine non otterrai una maggiore produttività.

Con il Funnel Marketing il processo di vendita si conclude. 

 

Tipi di Funnel

Quando si parla di Funnel marketing devi considerare che l’obiettivo è quello di far compiere al cliente tutto il processo di vendita che parte dalla consapevolezza di aver bisogno di un prodotto o servizio, passa per l’interesse nei confronti del tuo sito, generando il desiderio di comprare un prodotto, fino all’accettazione del visitatore di prendere in considerazione un acquisto

Queste fasi non sono un’invenzione moderna, ma il Funnel è un qualcosa che per alcuni analisti pubblicitari era già codificata agli inizia del 1900. In ogni caso con l’era digitale e le nuove forme di pubblicità si sono delineati una serie di percorsi che permettono la creazione dell’imbuto, integrando il funnel con altri sistemi di marketing.

Infatti, il web è come un enorme fiume di persone che continua a scorrere e solo un certo numero di esse sarà attirata a entrare nel tuo imbuto. Per compiere questo processo possono essere utilizzate diverse strategie di marketing.

 Per esempio, per suscitare interesse potrai utilizzare l’inbound marketing oppure il marketing di contenuti.

In altre situazioni potrai puntare a gestire una campagna di annunci per attirare, tra un preciso target di utenti quelli che possono avere interesse.

Questi aspetti sono importanti per precisare che non esiste un unico tipo di Funnel Marketing ma sono presenti diverse forme di imbuto.

Ecco quali sono i principali tipi di funnel.

  1. Optin lead capture funnel: l’imbuto viene creato utilizzando un sistema di lead magnet attraverso cui un cliente viene spinto a lasciare informazioni grazie alla possibilità di scaricare un PDF, un e-book o di vedere un video informativo. Si avrà quindi una pagina di base, quasi sempre un landing page in cui l’utente disporrà di tutte le informazioni e, previa compilazione di un modulo, otterrà un qualcosa in cambio.
  2. Sales Funnel: lo potrai utilizzare per ottenere la conclusione del processo di acquisto che avviene in maniera periodica. In questo caso l’utente può essere stimolato a continuare a utilizzare il tuo sito grazie alla presenza di sconti o di promozioni specifiche. Inoltre, sarà possibile applicare tecniche come quelle di remarketing per effettuare nuove conversioni. Potrai proporre al cliente una prova gratuita del prodotto o servizio e successivamente, passare all’acquisto finale.
  3. Webinar funnel: è un sistema a imbuto che replica quello di un webinar, dato che si avrà una pagina iniziale in cui si creerà interesse per un seminario portando l’utente a effettuare la registrazione. Il passo successivo è quello di permettere la visione del video con riferimento a un preciso prodotto o servizio, che conduce a un’azione finale. Sarà possibile inviare un’e-mail per far rivedere il seminario e invitare a chiudere il funnel effettuando la conversione. 
  4. Auto Webinar Funnel: è un sistema molto simile al precedente, ma si basa sulla produzione di seminari che sono stati già registrati e che vengono trasmessi in modo automatico in periodi predeterminati, per permettere a più utenti di entrare nell’imbuto.
  5. Hight Ticket Funnel: è una tipologia di imbuto che utilizza una pagina di lead generation, per la vendita di prodotti hight ticket, e puoi impiegarlo per far conoscere il tuo prodotto, utilizzando una testimonianza del cliente e un video che amplifichi il processo di consapevolezza nei riguarda di un preciso articolo.
  6. Membership Funnel: viene utilizzato per permettere l’iscrizione a un abbonamento o a un servizio a pagamento
  7. Lunch Funnel: molto adatto se vuoi eseguire il lancio di un prodotto che non è conosciuto dai clienti. Utilizzerai dei video che a step spiegano i vantaggi dell’articolo, creando una certa curiosità nel cliente e generando aspettativa e desiderio. Infine, lo condurrai a una pagina di vendita.
  8. Break Even funnel: molto utilizzato dalle grandi e medie aziende per potare i clienti a concludere una conversione. Disporrai di un link di una pagina esca, raggiungendo gli utenti attraverso strategie di e-mail marketing o outbound marketing. Il cliente incuriosito sarà condotto a una pagina in cui sono presenti contenuti di qualità, dove sarà spinto a effettuare l’acquisto. 
  9. Custom Funnel: sono quei sistemi a imbuto che potrai personalizzare e adattare in base alle necessità della tua azienda e all’obiettivo che vuoi raggiungere.

 

Come creare il funnel

Le diverse tipologie di Funnel anche se prevedono strumenti differenti contengono tutti gli stessi elementi. Infatti, per creare un funnel efficace, dovrai considerare che al suo interno devono essere presenti sempre questi fattori:

  1. Gli strumenti che utilizzi dovranno essere collegati fra di loro in modo da creare la condizione a imbuto.
  2. Per ottenere lo sviluppo delle varie fasi, il funnel deve offrire valore al cliente.
  3. Nel sistema del funnel dovrai predisporre sempre un call to action finale che porti l’utente a compiere la conversione.
  4. Avrai la possibilità di utilizzare tutte le strategie di marketing disponibili al fine di concludere il processo.

In base a questi aspetti ecco, tutte le fasi per realizzare il tuo imbuto.

 

Primo passo: crea l’attenzione sul tuo prodotto

Sul web la concorrenza è elevata, dato che sarà possibile trovare prodotti o servizi simili ai tuoi. Per questo avrai necessità di attirare l’attenzione sul tuo sito aumentandone la visibilità. 

È un dato di fatto: un cliente è interessato a ciò che vede, anche se l’annuncio, altre forme di pubblicità o l’immagine del tuo prodotto compariranno per pochi secondi su un social o sul web.

In questa prospettiva, sono diversi gli strumenti che potrai utilizzare per aumentare la visibilità. Ecco alcune delle soluzioni più pratiche:

  • Facebook ADS: potai creare una campagna pubblicitaria e monitorare l’andamento su questo social;
  • Inbound marketing: è una strategia che ti permette di combinare contenuti di qualità, con un’ottimizzazione SEO, suscitando interesse e generando valore;
  • Google ADS: una piattaforma che ti permetterà di creare pubblicità sul web;
  • Outbound marketing: prevede l’impieghi di banner pubblicitari o di pop up per suscitare interesse.

Una volta che l’utente avrà visualizzato il tuo annuncio e ti conoscerà avrai concluso il primo processo del Funnel Marketing. Passiamo a restringere l’imbuto.

 

Secondo passo: genera interesse nel cliente

Se hai creato attenzione in modo efficace ti troverai con un numero ampio di clienti che vogliono conoscere quali sono i vantaggi dei tuoi prodotti e servizi. Per trasformarli in lead e quindi ottenere dati o passare alla successiva fase del funnel, è necessario creare interesse

Uno strumento molto utile è la landing page, ovvero una pagina in cui l’utente riceve tutte le informazioni principali del prodotto e che si conclude con un call to action.

Altro sistema può essere quello di offrire un e-book gratuito, un corso o un video previa compilazione di un modulo. In questo modo otterrai le informazioni del cliente, e al contempo genererai interesse sul tuo prodotto e servizio.

 

Terzo passo: crea il desiderio del cliente

Quali sono le caratteristiche del tuo prodotto? Quali i vantaggi che il visitatore potrà avere? Dovrai fornire una soluzione alla problematica del cliente, un qualcosa che potrai fare impiegando diversi strumenti come il content marketing.

 L’utente si troverà a leggere un articolo che riguarda il prodotto in cui comprenderà il valore aggiunto che riceverà effettuando un acquisto. Un altro esempio può essere quello di inviare un’e-mail attraverso cui dare informazioni specifiche. 

Ovviamente riuscirai a produrre desiderio per un certo numero di utenti che porterà a un restringimento dell’imbuto e ad accedere all’ultimo step: la conversione.

 

Fase finale: spingi il cliente all’acquisto

Un lead può essere:

  • caldo
  • tiepido
  • freddo.

Nel primo caso avrai un utente che è stato convinto dal processo di Funnel ed è pronto ad effettuare l’acquisto. In questa circostanza ti basterà predisporre in modo giusto un contenuto o il tuo sito web per condurlo al carello ed effettuare il pagamento.

Un lead tiepido fa riferimento a un soggetto che è pronto a compiere l’ultima azione, ma è ancora indeciso. Perché? Forse vuole ottenere un prezzo migliore, in altri casi ha necessità di fare un confronto. L’utente non effettua subito la conversione ma dovrà essere aiutato nel processo finale.

 In questa prospettiva diventano fondamentali strumenti di analisi come Facebook ADS o Google Analytics che ti permetteranno di capire i motivi che ritardano l’azione finale.

Infine, potrai trovare anche un lead freddo, ovvero con un utente che ancora non è pronto a compiere il passo finale dell’acquisto e non ha ancora scelto il prodotto.

In base alla tipologia di utente che atterrerà sulla tua pagina, dovrai utilizzare una serie di processi finalizzati a concludere il funnel. 

Siamo alla fine dell’imbuto. Se valuti la percentuale di utenti che ha iniziato il percorso, il numero che ha compiuto un’azione e che ti ha permesso di raggiungere l’obiettivo prefissato si è ridotto.

 

Conclusione: Perché il Funnel Marketing

Il Funnel Marketing è un processo che rispecchia perfettamente la psicologia di un cliente e che può contribuire a portarlo a compiere quel percorso di acquisto di un prodotto o di un servizio da te offerto, che a volte viene effettuato in pochi secondi, ma in altri casi richiede un tempo più lungo.

Grazie al funnel avrai la possibilità di rivolgerti sia a utenti che conoscono i tuoi prodotti, sia a nuovi possibili clienti, ampliando le tue possibilità di emergere nella massa della attività concorrenti.

Il processo di funnel anche se ben codificato non è unico, dato che dovrai considerare tantissimi fattori e inoltre, avrai la possibilità di integralo con diverse strategie pubblicitarie. In questa prospettiva affidarsi a un esperto di sales funnel, ovvero un consulente di marketing digitale  può essere utile.

In questo modo potrai personalizzare il funnel in base alle tue esigenze e disporre di tutti quegli strumenti che ti permetteranno di analizzare e di monitorare gli effetti delle tue strategie.

Gennaro Napoletano

Sono Gennaro Napoletano un Consulente SEO per Imprenditori e Professionisti.
Nel 2012 mi sono Laureato in Informatica all’università degli studi di Salerno.
Il 23 Settembre del 2017, dopo aver seguito un corso SEO professionale della durata di circa sei mesi ed aver superato l’esame, ho conseguito la qualifica di: SEO Senior

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *