cos'è branding
  • Dicembre 4, 2021
  • Gennaro Napoletano
  • 0

Creare una precisa identità della tua azienda, con un’immagine distintiva e dando valore ai tuoi prodotti e servizi, è alla base del successo di un modello di business: ciò è possibile grazie al branding.

La parola richiama un elemento che nel marketing moderno acquisisce un valore fondamentale, come il brand o marca

Infatti, quando scegli un prodotto o un servizio di una particolare società, nella tua mente compariranno sia elementi come il logo e lo slogan, sia qualcosa di più profondo, che ti porterà ad avere una serie di emozioni e sensazioni nei confronti del brand. Grazie a queste percezioni ti ricorderai di uno specifico prodotto e sceglierai di utilizzare principalmente quella marca.

Riuscire a creare queste particolari sensazioni e lasciare impressa nella tua mente l’immagine del brand è un processo complesso e ben articolato.

Se ti stai domandando come realizzarlo e quali sono le strategie per rendere efficace il tuo brand, di seguito disporrai di tutte le informazioni.

 

Cos’è il branding

Il branding può essere considerato come l’insieme di quelle attività e strategie attraverso cui si può gestire e rafforzare la presenza di un brand all’interno del mercato, differenziandolo rispetto a quello di altri competitor e creando dei tratti distintivi come uno slogan o un marchio. 

Per citare le parole di uno dei maggior esperti in ambito di marketing del brand, il professor Kevin L. Keller, nel suo testo Marketing Management definisce il branding come quel processo che può far acquisire ai prodotti o a servizi il potere del brand, ovvero dare loro un’identità, e creare una specifica distinzione sul mercato.

Il branding è quindi una strategia di marketing attraverso cui avrai la possibilità di rendere il tuo marchio ben definito rispetto agli altri, aiutando le persone a scegliere il tuo prodotto o il servizio rispetto a quello della concorrenza. 

Può essere considerato come un processo, una sorta di percorso che permette di realizzare un’immagine specifica della tua azienda, facendole acquistare valore.

Chiarire questo concetto è importantissimo, soprattutto per i profondi cambiamenti che la rivoluzione digitale e le nuove forme di pubblicità web hanno determinato sulle vendite. 

Per semplificare le definizioni sopra riportate avrai:

  • un prodotto: sarà ciò che vendi a un cliente, una realtà concreta e visibile;
  • il brand: è l’immagine che viene percepita da un utente con riferimento al singolo prodotto, attraverso cui si genera una specifica identità;
  • il branding: è il processo attraverso cui si forma questa immagine nella mente del soggetto.

Le strategie di branding nascono proprio per soddisfare quelle particolari caratteristiche del brand. Infatti, al suo interno si innestano sia elementi concreti e tangibili che quelli intangibili

Nel primo caso si fa riferimento al logo o marchio, al prodotto stesso e al packaging, tutti elementi che sono ben visibili all’utente e che rappresentano la tua azienda.

Nel brand si inseriscono anche della realtà diverse che non sono tangibili. Per citare Keller, “una brand definisce il grado di effettiva consapevolezza, reputazione e rilievo che caratterizza il prodotto da esso identificato”. 

Ciò significa che saranno presenti elementi come la mission aziendale, gli obiettivi che ti hanno spinto a creare un determinato business e la presenza di specifiche qualità dei prodotti.

Quelli citati sono l’insieme di elementi che non possono essere visibili al cliente, ma che creano quell’identità che permette alla tua azienda di differenziarsi dalla concorrenza. 

 

Perché è importante il Branding per una Azienda

Il branding acquisisce un ruolo determinate nel marketing, dato che permette di realizzare i percorsi attraverso cui si costruisce l’identità del brand sul mercato.

Attraverso di esso si darà vita a quei processi che portando a sviluppare la consapevolezza, nella mente di ogni cliente, in base alla quale si preferirà il tuo brand rispetto a un altro della concorrenza.

Ciò è possibile perché le strategie di branding hanno il principale compito di rendere unico e riconoscibile il brand

Fare branding è importante per tutte le attività d’impresa, da quelle più piccole alle aziende che prevedono un commercio di un numero ampio di prodotti, riuscendo a creare quella differenza indispensabile per il tuo successo nel mercato. 

Ecco quali sono tutti i vantaggi di adottare una strategia di branding:

  • creare identità sul mercato: attraverso il branding sarà possibile creare una distinzione tra i tuoi prodotti e quelli dei competitor;
  • promuovere i prodotti: sarà più semplice sponsorizzare i prodotti, dato che sarai riuscito a fissare nella mente del cliente una specifica immagine, che semplificherà il processo definito funnel, che porta alla consapevolezza di una necessità, l’interesse nei confronti della tua attività di business e a una conversione da parte dell’utente;
  • consolidare i clienti: potrai avere uno strumento efficace per fidelizzare l’utente, dato che grazie all’identità del brand, sarà spinto a valutare per prima cosa i tuoi prodotti e servizi rispetto agli altri;
  • maggiore produttività: una giusta strategia di branding determina un aumento delle vendite, con un maggior risparmio di risorse in quanto a pubblicità;
  • creare reputazione: la tua azienda acquisirà un valore che sarà utile sia per incrementare le vendite, ma anche per creare maggiore coesione all’interno dei singoli reparti e dei dipendenti. Lavorare per un brand che ha una specifica identità può essere più stimolante e produttivo;
  • tutelarsi: avrai la possibilità di salvaguardare i tuoi prodotti rendendo chiara e precisa la loro provenienza.

 

Come fare branding

La realizzazione di una strategia di branding è un processo non semplice, dato che gli strumenti da utilizzare sono diversi e soprattutto si devono prevedere una serie di elementi che richiedono una specifica analisi delle potenzialità della tua azienda. 

Vediamo di riassumere i principali aspetti su cui si sviluppa il branding soffermandoci sulle strategie più utilizzate dalle aziende.

Il punto di partenza per realizzare l’immagine del tuo brand è quelli di individuare la tua UPS, un acronico che indica la Unique Selling Position.

Cosa significa?

Sono i tuoi punti di forza e di debolezza, indispensabili per creare il tuo brand e al contempo realizzare una strategia di marketing strategica

Dovrai quindi identificare gli elementi che ti contraddistinguono dai competitor e che sono alla base della tua identità. Il punto di partenza è individuare qual è la mission aziendale, e quali sono gli obiettivi che vuoi raggiungere con il tuo business.

Il passo successivo è quello di identificare una fascia di persone, ovvero un target a cui il tuo brand farà riferimento. La scelta del pubblico è indispensabile al fine di personalizzare i prodotti e migliorare nel tempo il tuo brand, al fine di ottenere un maggior riscontro dei clienti e una loro soddisfazione.

Altro passo è quello di trovare un qualcosa, che possa rafforzare la tua identità e quindi offrire ai clienti dei valori che possono ispirare un utente a prediligere il tuo marchio a quello di una società concorrente. 

In tutti i processi di branding sarà fondamentale mantenere una coerenza in ogni messaggio che dai, soprattutto se utilizzi diversi canali di web marketing.

Infine, dovrai creare un payoff efficace e una branding Positioning. Due termini che sono essenziali per realizzare una strategia di branding. Vediamo il perché.

 

Payoff

Cos’è il payoff? È un qualcosa che avrai spesso visualizzato quando osservi un prodotto di un’azienda e che rafforza l’identità del brand, dato che con questo termine si identifica la frase che è situata sotto al logo. 

Soffermiamoci un secondo su alcune dei payoff più famosi:

  • Nike: Just do it;
  • Apple: Think different;
  • McDonalds: I’m lovin’it;
  • Adidas: Nothing is impossibile;
  • Dash: Più bianco non si può.

Sono frasi che hanno fatto la storia, basta pensare a quelle della Coca ColaAlways Coca Cola”, oppure a “Galbani vuol dire fiducia”.

Come potrai notare, nel momento in cui leggi lo slogan collegato al brand, nella tua mente si focalizza una precisa visione di un prodotto, con una sensazione e a una percezione precisa.

Il payoff è quindi una frase di chiusura, per alcuni definito un lampo di genio, che dovrà dare forza al valore attribuito al brand. 

Precisano sin da subito che il payoff una volta creato, per rispondere al principio di coerenza che è alla base del branding, rimarrà sempre lo stesso

Si differenzia da un altro termine come il claim, ovvero i titoli di una campagna pubblicitaria, che sarà personalizzabile per ogni tipologia di promozione.

Creare il payoff non è semplice, dato che si deve ideare una frase coincisa e che in poche parole riesca a completare l’insieme di significati e di percezioni che si vogliono concretizzare in un brand.

Infatti, la traduzione in italiano di payoff è quella di ricompensa, un qualcosa che stimola nella mente di un cliente la possibilità di ottenere un valore aggiunto nel momento in cui acquista un prodotto o un servizio. 

Come creare un payoff?

È una frase che deve essere facile da ricordate anche se visualizzata poche volte e quindi permettere di creare quella differenziazione rispetto a un altro prodotto. Per questo viene richiesta semplicità

A questo si aggiunge che dovrà avere un timbro positivo, stimolando l’idea di una ricompensa e di un vantaggio nell’acquisto del prodotto. 

Quando scegli un payoff dovrai inserirlo ovunque, su qualunque oggetto, al fine di rafforzare il tuo brand. Inoltre, quello che andrai a sottintendere attraverso lo slogan dovrà essere onesto e rispondente alla realtà. 

Ciò significa che attraverso la frase dovrai richiamare nella mente del cliente una delle caratteristiche uniche che differenziano la tua azienda, ma reali.

Infine, la cosa più complicata, che richiede la competenza di un consulente di marketing,  è quella di realizzare un payoff che dovrà essere unico e soprattutto memorabile

Solo in questo modo, con il tempo, le persone si ricorderanno dei tuoi prodotti e servizi e riprendendo le parole di Kotler e Gary Amstrong, il brand diventerà la risorsa più durevole che vive più a lungo dei singoli prodotti

 

Brand Positioning

Tra le principali strategia di branding si deve considerare il processo che prende il nome di Brand Positioning

Cos’è esattamente? Questa parola identifica la posizione che viene occupata dal brand all’interno delle mente di un individuo. Che significa?

 Attraverso di esso, sarà possibile fissare quell’insieme di percezioni, impressioni e sensazioni che permettono di distinguere un prodotto da quello della concorrenza.

L’obiettivo è quello di riuscire a inculcare, attraverso una serie di strumenti differenti, come il logo, il payoff e i prodotti stessi, una specifica immagine del tuo brand al cliente, spingendolo a valutare la tua marca come prima scelta e in alcuni casi unica, per i suoi acquisti.

L’origine di questa parola storicamente si fa risalire a un testo di Al Ries e Jack Trout, The Battle of your mind, pubblicato nel 1981, in cui si andava a definire un nuovo sistema di marketing il cui scopo è quello di creare una differenziazione che permette al brand di conquistare la mente di un cliente

Il brand Positioning è quindi un elemento attraverso il quale si genera all’interno del subconscio di un cliente un immediato richiamo verso un brand, il quale verrà considerato come la soluzione a uno specifico problema. 

Come puoi evidenziare, crearlo ti permetterà di accelerare e semplificare il processo di vendita.

 

 Hai bisogno di fare branding per la tua azienda: Richiedi consulenza

Realizzare la giusta strategia di branding è un fattore chiave per avere successo. La sua importanza diventa ancora più rilevante in un sistema pubblicato in cui i canali di comunicazione sono accessibili a tutti, con la necessità di riuscire a creare una differenziazione rispetto alla concorrenza. 

Fare branding ti permetterà spingere il cliente verso i tuoi prodotti e servizi e sceglierli rispetto a quelli di un competitor anche se hanno la stessa qualità e affidabilità dei tuoi: è la percezione del brand che fa la differenza tra avere visibilità e successo o cadere nell’oblio dei competitor.

Come abbiamo evidenziato in questa guida, fare il branding più adatto alla tua attività di business è un processo piuttosto articolato che richiede delle conoscenze ampie del marketing e del concetto di brand stesso.

Se vuoi fare branding, una valida soluzione è quella di affidarsi a un’agenzia di web marketing, come Unidevs. Come fare? Ti basterà richiedere la nostra consulenza.

Gennaro Napoletano

Sono Gennaro Napoletano un Consulente SEO per Imprenditori e Professionisti.
Nel 2012 mi sono Laureato in Informatica all’università degli studi di Salerno.
Il 23 Settembre del 2017, dopo aver seguito un corso SEO professionale della durata di circa sei mesi ed aver superato l’esame, ho conseguito la qualifica di: SEO Senior

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *