differenze flutter e react

Sei alla ricerca di un confronto diretto tra Flutter vs React Native? Vuoi valutare quale può essere la soluzione più adatta alle tua attività di business? La tua ricerca è finita.

Non ti dovrai preoccupare di andare da un sito all’altro e cercare le caratteristiche di questi due sistemi per la creazione delle app. Nella nostra guida avrai un confronto diretto. Flutter e React Native sono due framework, ovvero dei sistemi che ti permettono di progettare ideare e pensare applicazioni per mobile iOS e Android, adatte al web e anche alla versione desktop  di ogni computer.

Alcune delle app che impieghi come Google Ads, oppure Facebook, Instagram, Pinterest, Alibaba, e Groupon sono state create utilizzando questi due Framework.

Linguaggi di programmazione sviluppati da Google e da Facebook e che ti offrono affidabilità, stabilità e sicurezza nel realizzare la tua app per un e-commerce o per il tuo sito. Scopri quali sono le loro caratteristiche e tutti i pro e i contro.

 

Flutter Vs React Native

Caratteristiche

Flutter

React Native

Cosa sono

Toolkit

Framework per la creazione di applicazioni

Da chi sono stati sviluppati

Google

Facebook

Tipologia di software

Open source

Open source

Linguaggio di programmazione

Dart

Javascript

Intuitività

Combinazione tra un sistema dinamico e statico

Sistema dinamico

Grafica e interfaccia

Widget

Widget e sistema Java

Prestazioni

Maggiore velocità

Leggermente più lento nella comunicazione con l’app nativa

Migliori app

Alibaba, App Hamilton, Google Ads, My Bmw

Instagram, Facebook, Facebook Ads, Skype Tesla, Pinterest

Compatibilità con i dispositivi

iOS, Android, Web e desktop

iOS e Android

Dimensioni app

Ridotta

Più grande

Cos’è il framework Flutter

Flutter ha ottenuto subito un certo successo grazie proprio a questo sistema. Infatti, avrai la possibilità di utilizzare un unico codice applicabile su tutte le diverse piattaforme.

Ciò significa che potrai creare un’applicazione in modo veloce e soprattutto affidandosi solo a un professionista specializzato nello sviluppo di app Flutter.

Per comprendere il vantaggio, immagina che senza questo framework, per creare un’app, dovresti disporre di un team formato da:

Un intero team che richiede tempo per coordinare le varie attività e soprattutto un investimento di costi elevato. Invece, con Flutter basterà un unico professionista per disporre di un’applicazione solida e funzionale.

 

Quali sono le caratteristiche di React Native

Passiamo ad analizzare cos’è React Native. Avrai a disposizione sempre un framework basato però sul linguaggio Javascript. Facciamo però un passo indietro.

React Native è nato nel 2015 e si caratterizza per essere stato sviluppato dalla piattaforma Facebook. Un linguaggio che ha ottenuto subito una risposta da parte degli utenti, dato che come vedremo più avanti è molto intuitivo. La particolarità è proprio il fatto che si sviluppa sul linguaggio Javascript.

Oggi il 78% dei siti online prevede un utilizzo di questo codice di linguaggio. Quindi se hai già lavorato alla creazione di un sito web in Java, avrai una maggiore facilità ad interfacciarti con questa app.

Ciò l’ha portato ad essere tra quelle più impiegate prima dell’avvento di Flutter. Inoltre, l’ultimo aggiornamento con la versione React Native 68 ha portato a sviluppare un’architettura più efficiente e soprattutto veloce, andando a limitare eventuali rallentamenti nell’apertura ed elaborazione delle app.

 

Flutter vs React Native: confronto diretto

Confrontare questi due linguaggi non è un procedimento semplice. Infatti, oggi sono tra i due framework più utilizzati per la creazione di app mobile, facendo concorrenza a un altro programma come l’interfaccia Laravel.

Ambedue ti permettono di sviluppare applicazioni dalle alte prestazioni, con caratteristiche che si eguagliano. Se però il risultato può essere simile, vi sono profonde differenze dal punto di vista della tipologia di framework, del linguaggio utilizzato e dell’interfaccia.

Andiamo ad analizzare questi aspetti, confrontando le prestazioni dei due framework e quali sono le app più famose realizzate.

 

Tipologia di framework

Il primo aspetto da considerare riguarda la tipologia di framework. In Flutter si è sviluppato un sistema SDK (Software Development Kit).

Ciò significa che disporrai di un’interfaccia attraverso cui avrai la possibilità di creare applicazioni mobile, per web o su piattaforme desktop, che si basa sul linguaggio di programmazione Dart. Il sistema e open source e dispone di propri widget per la creazione delle varie sezioni.

Nel caso di React Native il framework é sviluppato sul linguaggio Javascript. Anche questo però è free user e dispone di una serie di estensioni.

 

Chi li ha sviluppati

Due progetti creati da due colossi del mondo del web. Infatti, Flutter è nato su iniziativa del team di Google e dispone di tutto il supporto della sua community.

La data è quella del 2018, ma in breve tempo si è subito affermata sul web. Nel caso di React Native è un progetto sviluppato da Facebook. Anche in questo caso avrai un sistema in continua evoluzione grazie al supporto della community di questo social network.

 

Intuitività dell’interfaccia

Ambedue sono degli strumenti abbastanza semplici e intuitivi da utilizzare. Ovviamente se vuoi avere un’app nei tempi più brevi e con la sicurezza di un suo perfetto funzionamento avrai necessità di rivolgerti a un programmatore app come quelli di Unidevs.

Nel caso di Flutter il framework ha incominciato ad essere utilizzato nel 2018. Ciò lo rende più giovane, ma altrettanto affidabile rispetto a React Native. Invece, quest’ultimo è già presente sul web dal 2015.

Altro aspetto da considerare è il linguaggio di programmazione. React Native è un sistema più dinamico, grazie proprio all’utilizzo di Javascript. Un fattore di vantaggio per certi aspetti, dato che permette di adattarsi a diverse tipologie di dati.

Dall’altro lato però offre una libertà troppo ampia al programmatore e questo può condurre a una serie di errori nella progettazione e nello sviluppo.

Il linguaggio Dart può essere considerato una via di mezzo tra un sistema dinamico e statico. In particolare, quest’ultimo aspetto è molto valido se vuoi evitare di commettere errori nella fase di programmazione.

Ambedue prevedono dei sistemi integrati che aiutano lo sviluppatore ad interfacciarsi in modo diretto con la piattaforma. In particolare, in Flutter vi sono guide dettagliate realizzate dagli sviluppatori ufficiali.

In React Native avrai a disposizione dei tutorial, ma anche la possibilità di accedere a una community in cui troverai delle spiegazioni aggiuntive. Non sono quelle ufficiali, ma sono chiare e descritte in modo da permetterti di utilizzare tutte le potenzialità delle piattaforma. Un esempio è la piattaforma Expo.

 

Grafica

Il framework Flutter dispone di una grafica contenente una serie di widget predefiniti, creati e testati da Google. Ciò permette a un programmatore di avere già a disposizione una serie di tools senza doverne creare di appositi.

Inoltre, il team che ha portato alla creazione di Flutter è quello stesso che definisce tutte le caratteristiche del browser Google Chrome. Ciò permette di avere la certezza che eventuali bug verranno risolti il più velocemente possibile data la similitudine dei due sistemi.

Nel caso di React Native usa Javascript e JSX. Ciò comporta sempre la presenza di widget, ma con un numero molto più ampio. La semplicità di creazione ha però determinato lo sviluppo di librerie online che spesso hanno una qualità ridotta e con errori di programmazione.

Ciò porta alla necessità di fare attenzione nello scegliere i widget più adatti in React Native.

 

Flutter vs React Native: le prestazioni

Dal punto di vista dell’analisi delle prestazioni, il raffronto è alla pari. Infatti, ambedue i sistemi sono open source e supportati da una community di programmatori molto attenta a creare dei framework affidabili, stabili e sicuri. Ovviamente effettuare un confronto non è facile dato che devi considerare diversi fattori come:

  • tipologia di app;
  • base del codice;
  • animazioni;
  • dimensioni dell’applicazione;
  • scelta del layout;
  • tipologia di telefono utilizzato dell’utente.

In ogni caso sia Flutter, sia React Native prevedono un simulatore integrato sul tuo computer per iOS e Android. Potrai così testare la tua app online e offline e correggere in modo diretto l’affidabilità dell’applicazione.

Infatti, le modifiche vengono eseguire in tempo reale e quindi potrai sin da subito verificare se i nuovi adattamenti possono essere considerati validi.

Un’osservazione deve essere fatta per quanto riguarda l’esperienza dell’utente. Sia in una caso, sia nell’altro si hanno prestazione elevate molto simili a quelle di un’app nativa.

Però React Native impiega il bridge di Javascript attraverso cui si effettua il collegamento con il codice nativo dell’app. Ciò comporta che in alcuni casi si possono essere dei rallentamenti nel processo dell’applicazione.

Invece, in Flutter non è presente tale sistema, ma il codice andrà direttamente in contatto con l’app nativa.

 

Quali app famose sono state create?

Le due piattaforme hanno visto la creazione di applicazioni che forse utilizzi quotidianamente e di successo. Ecco quali sono quelle più famose collegate al framework Flutter:

  • app Alibaba;
  • Hamilton;
  • Google Ads;
  • eBay Motors;
  • Groupon;

Per ciò che riguarda React Native puoi considerare le seguenti applicazioni:

  • Facebook;
  • Facebook Ads;
  • Pinterest;
  • Instagram;
  • Tesla;
  • Winx;
  • Xbox shop.

 

Flutter vs reattive: compatibilità con i dispositivi

Quali sono i dispositivi compatibili? Ambedue i sistemi non hanno problemi con le versioni Android, partendo però da quella 4.4 per Flutter e 5.0 per React Native.

Per quanto riguarda i sistemi Apple, le app Flutter girano solo con la versione iOS 9 e superiori, mentre quelle React Native richiedono la iOS 11

 

Dimensione delle app

L’ultimo aspetto da considerare sono le dimensioni delle app che vengono realizzate. Il sistema Flutter ti offre l’opportunità di creare un’applicazione che ha un grandezza ridotta.

Questo è un aspetto determinante soprattutto perché permette di essere applicata su qualunque dispositivo anche quelli meno aggiornati, senza sovraccaricare il sistema.

Diversa è la situazione per React Native. Le app di questo framework vengono sviluppate creando degli appositi ambienti in Javascript, i quali aumenteranno notevolmente lo spazio.

L’aggiornamento alla nuova perversione ha permesso di ridurlo, ma comunque se rapportate alle app di Flutter quelle React Native saranno di dimensioni più grandi. L’unica soluzione è quella di utilizzare un tools esterno per ridurle.

 

Punti di forza e di debolezza in Flutter e React Native

Vantaggi di Flutter Svantaggi
Ricarica dinamica Community online ancora limitata
Possibilità di condividere il database tra le diverse piattaforme Data la creazione nel 2018, alcune funzionalità non sono subito disponibili
Test migliorato
Design ricreato e intuitivo
Ideale per la creazione di MVP
Simulazione online e offline iOS e Android

Scegliere Flutter è ideale se vuoi disporre di un’unica piattaforma per sviluppare un’app che sia adatta a tutti i dispositivi. Il sistema ti permette di lavorare con un team ristretto di persone e quindi offrire ai clienti la possibilità di ottenere una funzionalità innovativa e che riflette il trend del momento.

Il sistema è affidabile e sicuro, ma è di nuova formazione. Ciò determina che la community online è limitata e le nuove funzionalità richiedono tempo per essere subite messe a disposizione degli sviluppatori.

 

React Native: pro e contro

Vantaggi Svantaggi
Sistema di aggiornamento in tempo reale Troppa libertà nella progettazione, con possibilità di errori
Presenza di sistemi di simulazione Presenza di librerie online di bassa qualità
Presenza di un numero ampio di widget Necessità di maggiore spazio per le app
Community ampia
Utilizzo di un linguaggio conosciuto come Javascript

Il sistema React Native può essere considerato valido allo stesso livello di Flutter, soprattutto dopo l’ultimo aggiornamento. In particolare, il punto forte rimane quello delle grafica con una libreria di widget molto ampia, anche se non sempre di qualità.

Se vuoi trovare un aspetto negativo è l’elevata libertà del programmatore che può portare però a generare dei bug all’interno dell’app, ritardando la sua creazione e messa online.

 

Flutter vs React Native: quali scegliere?

Come valutare il framework più adatto tra Flutter e React Native? Come hai letto sono ambedue realtà dalle ampie funzionalità. La scelta dovrà essere fatta in base alla tipologia di risultato che vuoi ottenere e alle tue competenze.

Infatti, se vuoi andare a realizzare un sistema multipiattaforma e quindi un’app che possa integrarsi sugli smartphone, sul desktop di un computer oppure girare sul web, allora la scelta deve cadere sul sistema Flutter.

Viceversa, se stai puntando a sviluppare un’applicazione mobile per iOS o Android allora potrai scegliere React Native.

Quest’ultima prevede un linguaggio di programmazione più semplice, dato che prevede il sistema Javascript molto conosciuto da chi crea siti web.

Dall’altro lato l’interfaccia del framework di Flutter appare più intuivo e soprattutto disporrai di widget sempre funzionanti e sviluppati da Google.

La scelta non è semplice. Anche se necessaria. Considera che oggi il 78% delle attività di un utente online si sviluppa attraverso un’app. Una percentuale che nei prossimi anni continuerà a incrementarsi, grazie all’intuitività  e alla possibilità di gestire l’applicazione dai diversi dispositivi.

Per questo se hai deciso di realizzare un’app per potenziare il tuo business potrai affidarti a una web agency come Unidevs. Potrai lavorare con sviluppatori esperti programmatori di app Flutter e React Native. In questo modo andremo a valutare insieme quali possono essere i vantaggi di adottare Flutter o React Native, in base ai tuoi obiettivi. Ti basterà contattarci.

 

Truccone Davide

Sono Davide Truccone Imprenditore e Project Manager di Unidevs.
La nostra agenzia nasce da un'idea ambiziosa, innovativa, fornire assistenza a 360° gradi alle piccole imprese italiane che hanno bisogno di figure estremamente qualificate.

https://www.unidevs.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.