e-commerce guida

Gli e-commerce hanno assistito a un incremento incredibile nel corso degli ultimi anni. Sempre più persone hanno deciso di vendere e guadagnare online, approdando così a un mercato in forte crescita.

Aprire un e-commerce, però, non è così semplice e immediato come si potrebbe credere. Esistono degli step da seguire per aprire il proprio negozio e far si che questo inizi a generare vendite e profitto.

In questa guida e-commerce vedremo insieme tutto ciò che c’è da sapere sul commercio online, quali sono i vantaggi e quali gli step da seguire per aprire il tuo negozio.

 

Cos’è un e-commerce

Cercando la definizione di e-commerce su Wikipedia il risultato che ne viene fuori è il seguente:

“Il commercio elettronico è l’insieme di transazioni generate dalla compravendita di beni e servizi realizzate su Internet e l’insieme delle comunicazioni o gestione di attività commerciali tramite il web”.

Quindi un e-commerce non è altro che un negozio che, invece di essere fisico e trovarsi fronte strada, si trova online.

Naturalmente non tutti gli e-commerce sono uguali e, anzi, ne esistono di varie tipologie con caratteristiche differenti tra loro.

Una prima sostanziale differenza, ad esempio, esiste tra gli e-commerce B2B e B2C che si rivolgono a un target completamente differente. Nel primo caso, ovvero gli e-commerce B2B, si tratta di negozi che si rivolgono ad altri rivenditori o business, mentre i B2C si rivolgono direttamente al cliente finale.

Oltre a questo c’è naturalmente da stabilire il tipo di prodotti che si intende vendere, la nicchia in cui si vuole entrare e di conseguenza anche la tipologia di clienti ai quali ci si rivolge.

Ragionando in questi termini capisci bene che un e-commerce può vendere praticamente qualsiasi tipologia di prodotto. Da prodotti di bellezza a snack proteici, fino anche a libri, oggetti elettronici o vestiti.

Insomma le possibilità sono davvero molto ampie e il tutto sta nel comprendere qual è la nicchia nella quale voler entrare.

Ti basta pensare che il più famoso e-commerce al mondo è Amazon, che è partito come un negozio virtuale di libri e si è poi espanso fino a conquistare il commercio online.

 

Perché creare un e-commerce

Dopo aver compreso cos’è un e-commerce è lecito che tu ti chieda perché dovresti crearne uno. In effetti esistono numerosi vantaggi nell’aprire un e-commerce e voglio analizzarne alcuni insieme a te.

Innanzitutto c’è da dire che il commercio online, come ribadito anche in apertura di questa guida, ha assistito a una crescita incredibile nel corso degli ultimi anni. Questo trend è sicuramente in aumento e, nel prossimo futuro, è molto probabile che gli e-commerce continuino a crescere.

Bisogna considerare infatti che, ormai, tutte le frizioni legate agli acquisti online sono ampiamente superate e, soprattutto le nuove generazioni, nascono e crescono in un contesto che vede naturale comprare oggetti e servizi online.

Questo fa presumere che nel futuro più prossimo il commercio online potrebbe superare, e di molto, quello offline, rendendo gli e-commerce delle attività molto più redditizie rispetto a quanto non lo siano già ora.

Oltre a questo c’è da considerare anche le ampie possibilità che offre un commercio online in termini di pubblico raggiungibile.

Mentre un negozio fisico è delimitato alla zona in cui è situato, un e-commerce non ha virtualmente limiti. Un negozio online, infatti, ha la possibilità di raggiungere potenzialmente qualsiasi persona abbia un accesso ad internet.

A prescindere dalla zona del mondo in cui si trova.

Questo rende il bacino di clienti potenziale davvero ampio e, come puoi immaginare, permette di interfacciarsi con un numero di persone potenzialmente infinito.

A tal proposito c’è anche da dire che gestire un e-commerce non è semplicissimo in quanto, oltre a tutti gli oneri che prevede la gestione di un’attività tradizionale, prevede anche competenze tecniche e un team altamente specializzato.

Oltre a questo, però, gli e-commerce presentano davvero tantissimi altri vantaggi.

Il primo e più rilevante, riguarda un importante abbattimento dei costi. Di questo parleremo più nel dettaglio nel prossimo paragrafo.

Per il momento ti basta sapere che comunque, rispetto a un negozio tradizionale, il costo per un e-commerce è molto più contenuto.

Altro aspetto interessante riguarda la fascia oraria in cui si è aperti al pubblico. Un negozio fisico ha degli orari di apertura e chiusura da rispettare e oltre i quali non si ha la possibilità di vendere o interfacciarsi con i clienti.

Gli e-commerce sono invece negozi aperti 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Questo rappresenta un duplice vantaggio, sia per il proprietario del negozio online, che per i suoi clienti.

Da un lato infatti chi ha un e-commerce può potenzialmente guadagnare a qualsiasi ora del giorno e della notte, in qualsiasi giorno della settimana. Dall’altro lato si sposano perfettamente quelle che sono le abitudini di acquisto del cliente.

Esistono clienti che preferiscono acquistare alle due del pomeriggio e altri che, magari, scrollano il catalogo dei prodotti a mezzanotte.

Infine, ma non certo per importanza, un e-commerce permette di raccogliere dati riguardo i nostri clienti. Questo ci permette di comprendere quali siano le loro abitudini di acquisto, quali i prodotti preferiti e in che modo questi interagiscono con il nostro negozio.

Tutti questi dati, poi, possono essere utilizzati per implementare una strategia di marketing ad hoc che vada quindi a sposare perfettamente le abitudini d’acquisto dei tuoi clienti, proponendo offerte, sconti e opportunità in base ai loro gusti.

 

Costi e-commerce

Abbiamo visto che un e-commerce presenta numerosi vantaggi, soprattutto per ciò che riguarda l’abbattimento dei costi.

Ma cerchiamo di capire più nel dettaglio perché aprire un negozio virtuale costi meno rispetto a un negozio fisico.

Innanzitutto c’è da considerare che, per ciò che riguarda i costi fissi, un negozio online presenta delle spese incredibilmente più ridotte rispetto alla sua controparte su strada. Un negozio fisico, infatti, richiede alcuni aspetti non necessari per uno online.

Parlo ad esempio di un immobile da fittare per aprire il proprio negozio, spese per l’allestimento ed  eventuali ristrutturazioni.

Già questi costi, da soli, rappresentano un freno importante per tantissimi imprenditori che hanno intenzione di iniziare un’attività. A differenza di un negozio fisico, un e-commerce prevede, come costi iniziali, l’acquisto di un piano hosting, che rappresenta il luogo virtuale che ospiterà il proprio sito, l’acquisto di un dominio e della piattaforma per la creazione e personalizzazione effettiva del negozio.

Soprattutto quest’ultimo punto può presentare dei costi altamente variabili, ma lo vedremo più avanti.

In ogni caso, come puoi vedere già da queste prime voci, aprire un e-commerce è molto più economico rispetto ad aprire un’attività su strada.

A tutto questo c’è da aggiungere però che, per e-commerce molto strutturati con tanti prodotti, è necessario avere un team di professionisti qualificati che gestisca ordini, piattaforma, sito, modifiche e tutte quelle attività che permettono al negozio di funzionare al meglio.

Naturalmente anche questo è un costo da mettere in conto quando si decide di avviare un’attività di questo tipo.

Al netto di queste considerazioni, l’e-commerce rappresenta un’alternativa scelta da tantissimi imprenditori proprio per i costi ridotti e il margine di guadagno maggiore rispetto a un negozio fisico.

 

Come gestire un e-commerce

La gestione di un e-commerce è probabilmente la parte più complessa dell’intraprendere questo tipo di attività.

Gestire un e-commerce è complesso tanto quanto gestire un’attività tradizionale e, anzi, richiede anche delle azioni in più rispetto a un negozio fisico.

L’errore che commettono in tanti è quello di credere che un e-commerce, poiché si tratta di un’attività online, non richieda le attenzioni necessarie a una qualsiasi altra attività.

In realtà non è così. Vediamo nel dettaglio quali sono gli aspetti più importanti da considerare.

 

Gestione prodotti

Uno dei primi aspetti di cui tener conto è la gestione dei prodotti. Il catalogo prodotti rappresenta la linfa vitale del tuo negozio online, ciò che i tuoi clienti acquisteranno da te.

A tal proposito è importante avere un’ampia scelta di prodotti e, soprattutto, suddividere tutto per categorie, in modo da rendere la ricerca e la selezione molto più semplici.

Ricorda inoltre di realizzare delle accurate schede prodotto che includano:

  •         Immagine del prodotto.
  •         Descrizione del prodotto.

Questi sono punti essenziali in quanto aiuteranno il tuo cliente a comprendere quali sono le caratteristiche del prodotto che sta guardando, come questo appare e, in definitiva, se è il prodotto giusto per lui.

Quando si acquista online, senza avere quindi la possibilità di guardare e toccare con mano il prodotto prima di comprarlo, è fondamentale avere chiare tutte le informazioni a riguardo.

 

Customer Experience

La customer experience è un altro di quegli aspetti fondamentali quando si parla di commercio online. Le persone che acquistano online, o che comunque navigano su di un sito, si aspettano di avere un’esperienza comoda e gradevole.

A tal proposito sono tre i punti che ti consiglio di considerare:

  •         Contenuti.
  •         Ricerca sul sito
  •         Carrello e checkout

Per quanto riguarda i contenuti assicurati che ogni contenuto presente sul tuo sito sia chiaro, leggibile e completo.

Come detto anche in precedenza le persone che navigano e acquistano online vogliono avere sotto mano tutte le informazioni necessarie. Assicurati quindi di descrivere ogni prodotto, utilizza immagini, aggiungi informazioni circa spedizione, costi, variabili del prodotto, recensioni.

Insomma devi essere certo di aver condiviso quante più informazioni possibili con i tuoi clienti.

La ricerca sul sito è un altro aspetto assolutamente fondamentale. Ogni buon e-commerce dovrebbe prevedere una barra di ricerca interna che permetta di trovare facilmente prodotti e categorie.

Tramite l’inserimento di una parola chiave, l’utente dovrebbe poter raggiungere qualsiasi prodotto presente sul sito. In questo modo renderai la sua esperienza di acquisto molto più rapida e semplice, con un conseguente incremento delle vendite.

Infine ricorda anche di ottimizzare carrello e checkout. Il checkout è la fase forse più delicata dell’acquisto, ovvero il momento in cui l’utente inserisce i suoi dati e paga.

Proprio per questo è consigliato rendere questa fase quanto più semplice possibile, in modo che il cliente non trovi alcuna difficoltà nel concludere l’acquisto.

Ricorda che ogni ostacolo, anche il più piccolo, può rappresentare un motivo per non acquistare da te.

 

Marketing

Affinché il tuo e-commerce sia visibile e arrivi a tante persone è fondamentale implementare delle strategia di web marketing. A tal proposito la SEO per e-commerce rappresenta in primo luogo un ottimo modo per posizionare il proprio sito e farlo arrivare a tantissime persone.

La SEO infatti permette di posizionare sui motori di ricerca i propri contenuti e il proprio sito, in modo che chiunque effettui delle ricerche per delle specifiche parole chiave possa visualizzare in primo luogo il tuo sito.

Oltre a questo potresti pensare di sfruttare le Facebook ADS per e-commerce, ovvero delle campagne pubblicitarie su Facebook per far conoscere il tuo sito, promuovere i tuoi prodotti e magari condividere delle offerte speciali.

Anche l’email marketing può diventare un’ottima freccia al tuo arco. Questa strategia di marketing consiste nel far iscrivere gli utenti a una lista contatti lasciando la propria mail. L’iscrizione in genere viene ricambiata con un coupon, un prodotto gratuito o un’altra offerta alla quale possono essere interessati.

Una volta iscritti alla tua lista avrai la possibilità di comunicare con loro tramite mail. Queste mail possono contenere praticamente ciò che più preferisci come offerte, l’uscita di nuovi prodotti, aggiornamenti vari o contenuti di valore che decidi di condividere con loro tramite una vera e propria newsletter.

 

Gestione magazzino

La gestione del magazzino è un altro aspetto da non sottovalutare assolutamente. Il magazzino è infatti il luogo in cui ci sono i tuoi prodotti e dal quale puoi verificarne la disponibilità per i tuoi clienti.

Proprio per questo motivo è indispensabile avere un addetto al magazzino che sia in grado di gestire gli ordini, monitorare le vendite e in generale assicurarsi che il magazzino sia sempre fornito dei prodotti che servono.

Questa figura spesso si occupa anche di gestire tutto ciò che riguarda la logistica. Si parla quindi dei rapporti con corrieri e fornitori, al fine di far funzionare correttamente l’e-commerce e assicurarsi che i prodotti siano spediti e arrivino a destinazione.

 

Customer Care

In una guida e-commerce che si rispetti non può mancare un grande riferimento al customer care. Come detto in precedenza gli acquisti online richiedono sempre un grado di attenzione maggiore rispetto a quelli offline.

In un negozio fisico, infatti, si ha sempre la possibilità di parlare con una persona, guardare i vari prodotti, toccarli con mano e fare le proprie valutazioni.

Il rischio che qualcosa vada storto è molto contenuto. Al contrario, per gli acquisti online possono sorgere delle problematiche o anche semplicemente i clienti potrebbero avere bisogno di informazioni aggiuntive.

Ecco che, entra quindi in scena il servizio clienti. Gli addetti al customer care sono coloro che si occupano proprio di gestire queste situazioni, parlando con i clienti, dando loro informazioni e, se è necessario, gestendo i clienti insoddisfatti.

Avere un reparto customer care preparato e professionale, magari anche integrando un servizio di chatbot per il customer care, è assolutamente necessario per far si che il proprio e-commerce funzioni al meglio.

 

Quale piattaforma e-commerce scegliere

Per creare un e-commerce esistono davvero tantissime piattaforme diverse. Grazie al successo incredibile del commercio online, sono nate nel corso degli anni tantissime piattaforme diverse che offrono varie possibilità.

Tra quelle più professionali e quelle più economiche, in questa guida sugli e-commerce vedremo quali sono le piattaforme migliori e che caratteristiche presentano.

 

Magento

La prima piattaforma e-commerce di cui vorrei parlarti è Magento. Si tratta senza dubbio della piattaforma più professionale in assoluto per la creazione di un negozio online.

Questa piattaforma infatti è pensata per e-commerce di grandi dimensioni, che presentano un ampio catalogo prodotti e che devono gestire un gran numero di vendite ogni giorno. In effetti si tratta di una piattaforma non adatta a piccoli negozi online ma che si rivolge ad aziende e attività più strutturate.

Creare un e-commerce con Magento, infatti, non è così semplice e, anzi, sono richieste delle competenze tecniche molto specifiche, che non tutti possiedono.

Come puoi immaginare, anche per ciò che riguarda i costi di un sito Magento, questa piattaforma ha prezzi più elevati rispetto ad altre soluzioni più semplici e accessibili.

In ogni caso, se hai intenzione di creare un e-commerce di grandi dimensioni con la prospettiva futura di continuare ad espanderti e crescere, Magento è senza dubbio la migliore soluzione in assoluto.

 

Shopify

Anche Shopify è un’ottima piattaforma per e-commerce. Nello specifico si tratta di una piattaforma SaaS (Software as a Service) che permette di creare e lanciare il proprio store online.

A differenza di Magento è meno complessa ma offre anche delle possibilità in meno rispetto al primo software. Si tratta comunque di un ottimo strumento con cui creare un negozio online, personalizzarlo, caricare i propri prodotti e iniziare a vendere.

In effetti uno dei principali vantaggi di Shopify sta proprio nell’interfaccia utente molto intuitiva che permette di mettere su un negozio online anche in poche ore.

Per contro c’è da dire che la personalizzazione dell’e-commerce è spesso molto legata ai modelli che già propone la piattaforma. Nonostante questi siano modificabili a proprio piacimento va da sé che un e-commerce creato da zero mettendo mano al codice sia molto più personalizzato.

Per il resto, Shopify si integra bene con tool per la SEO, marketing in generale e social network.

Anche il costo dell’abbonamento è molto più contenuto rispetto a soluzioni più complesse.

 

WordPress + Woocommerce

La terza opzione che ti propongo è quella più semplice e basilare rispetto alle altre. Creare un sito in WordPress è infatti un’operazione davvero molto semplice che richiede poco tempo rispetto ad altre soluzioni.

Integrando poi WordPress con Woocommerce è possibile creare il proprio e-commerce direttamente sul sito.

Si tratta di una soluzione rapida, semplice e che comporta dei costi davvero molto contenuti. C’è da dire anche però che un e-commerce creato in questo modo sarà molto più limitato rispetto a soluzioni più professionali.

Banalmente per ciò che riguarda il numero di prodotti, la gestione del numero di richieste sul sito e tanti altri aspetti tecnici, il tuo negozio online sarà meno performante rispetto ad altri.

In ogni caso, WordPress integrato con Woocommerce è un’ottima soluzione per chi ha intenzione di creare un piccolo e-commerce, con poco budget e in maniera semplice e veloce.

 

Prestashop

Infine, l’ultima soluzione che ti propongo per creare un e-commerce è Prestashop. Anche in questo caso si tratta di una piattaforma molto semplice da utilizzare che non richiede in genere l’intervento di uno sviluppatore o la conoscenza del codice.

A tal proposito Prestashop è una piattaforma ideale per chi voglia creare un negozio online di piccole o medie dimensioni.

Alla semplicità di funzionamento si aggiunge anche un ottimo servizio di manutenzione automatica, una struttura del sito SEO friendly e l’ottima assistenza clienti sempre presente.

Come aspetti negativi da considerare c’è senza dubbio da sottolineare il costo. Sebbene di base il costo di Prestashop non sia così elevato, non è possibile dire lo stesso delle varie estensioni.

Uno dei punti di forza di un e-commerce vincente è la personalizzazione. Un negozio online simile a tanti altri, non fornirà al cliente nessun motivo particolare per preferirlo rispetto alle tante altre soluzioni presenti sul web.

Un sito base in Prestashop non ha un costo elevatissimo ma, al contrario, le estensioni possono presentare dei prezzi più alti.

 

Come aprire un e-commerce

La scelta della piattaforma giusta è senza dubbio importante per aprire un e-commerce. Tuttavia questo è solo uno dei passaggi necessari per dare vita al proprio negozio online.

In questa guida e-commerce voglio mostrarti i vari step per aprire il tuo negozio.

 

Scegli la nicchia di mercato

Come detto anche in precedenza la scelta della nicchia di mercato è un’operazione fondamentale. Il tuo e-commerce, a meno che tu non sia un colosso come Amazon, dovrà avere una precisa nicchia in cui operare.

Questo vuol dire che venderai solo delle tipologie di prodotti rivolgendoti quindi esclusivamente a uno specifico target.

Per scegliere correttamente la tua nicchia effettua delle ricerche di mercato in modo da capire in quali settori ci sono le maggiori possibilità di emergere. Analizza il tasso di crescita del mercato, i competitor già presenti in quella nicchia ed eventuali keyword rilevanti che possono fornirti un’idea più precisa di ciò che cercano i clienti in quella nicchia.

 

Definisci il tuo target

Altro punto fondamentale è comprendere chi è il target al quale vai a rivolgerti. Ogni buon prodotto, infatti, è costruito sui bisogni e le esigenze del pubblico, ma non solo.

L’analisi del target ti fornirà anche informazioni importanti sulle credenze del pubblico, sulle azioni che compiono, sui prodotti che preferiscono e su tanti altri dettagli che possono fare la differenza.

Dei tuoi clienti dovrai conoscere ogni informazione come:

  •         Dispositivi utilizzati per gli acquisti.
  •         Dati demografici.
  •         Interessi e abitudini.
  •         Sogni e aspettative.
  •         Scelte d’acquisto.
  •         Comportamento online.
  •         Social utilizzati.

Insomma è fondamentale che tu abbia un quadro completo del tuo cliente tipo.

 

Definisci i KPI

Con il termine KPI si indicano i Key Performance Indicator ovvero gli indicatori di performance della tua attività. Questi possono essere valutati solo se, alla base, esistono degli obiettivi concreti e tangibili.

Per capire meglio cosa voglia dire, immagina di aver deciso di vendere 10 prodotti nella tua prima settimana. Se dopo una settimana ne hai venduti 8 sarai al di sotto dei tuoi obiettivi, se ne hai venduti 15 sarai invece al di sopra e avrai dei KPI positivi.

Per comprendere in che direzione sta andando il tuo e-commerce, quindi, è fondamentale stabilire degli obiettivi che siano:

  •         Reali: inutile strafare e poi non riuscire a raggiungere ciò che ti eri prefissato.
  •         Tangibili: non dire “voglio vendere di più” ma stabilisci un valore numerico effettivo.
  •         Rilevanti: gli obiettivi che ti poni devono essere realmente utili e rilevanti per la salute della tua attività.
  •         Scadenzati: datti una scadenza precisa per ottenere questi risultati.

 

Definisci i canali di vendita e promozione

Come detto in precedenza, affinché un e-commerce riesca ad emergere nel mare di possibilità disponibili online, è fondamentale che siano messe in campo delle attività di promozione.

A tal proposito è importante definire i canali di vendita e promozione del tuo negozio online.

Questi possono variare dall’advertising su Google o Facebook, all’email marketing, alla SEO ma è importante che ci sia un’analisi a priori.

Cerca di capire in che modo agiscono i competitor nella stessa nicchia e come i tuoi prodotti possono arrivare al maggior numero di persone possibili, in modo naturale, spontaneo e realmente utile.

Una volta stabiliti questi punti potrai andare a creare il piano di marketing definendo cioè tutte le azioni da compiere per promuovere il sito.

 

Definisci interfaccia, contenuti e UX

Quando avrai chiaro il mercato in cui ti muoverai, la nicchia, i prodotti da vendere e il target di riferimento, potrai iniziare a pensare alla struttura del tuo sito.

In particolare è fondamentale che in questa fase pensi all’interfaccia che vuoi per il tuo e-commerce in modo da comprendere in che modo i tuoi clienti navigheranno. In tal senso è utile tener sempre conto della User Experience, ovvero dell’esperienza che l’utente avrà sul sito.

Cerca di analizzare, anche in questo caso, l’interfaccia di e-commerce di successo e competitor della tua stessa nicchia. Allo stesso tempo, però, analizza profondamente i bisogni del cliente, in modo da rendere il sito quanto più ottimizzato possibile in tal senso.

Anche i contenuti che andrai a utilizzare per riempire il tuo sito giocano un ruolo fondamentale. Cerca di strutturare, magari con l’aiuto di un bravo copywriter, i contenuti delle tue pagine e inizia a pensare a un blog per e-commerce.

È importante che questi contenuti siano in linea con la tua attività e con i tuoi clienti.

 

Scegli la piattaforma

Anche la piattaforma che sceglierai è importantissima ai fini del successo del tuo e-commerce. Come abbiamo visto anche in precedenza, infatti, le varie piattaforme presentano caratteristiche, costi e funzionalità completamente differenti tra loro.

In questa fase quindi analizza con attenzione le caratteristiche di ogni piattaforma in modo da individuare quella che è più allineata con la tua idea di business.

Online sono disponibili diverse possibilità e senza dubbio troverai quella migliore per il tuo negozio online.

 

Lancia il tuo e-commerce e attiva tutte le procedure

Questo è l’ultimo step della tua guida per e-commerce. Dopo aver creato il sito (o averlo commissionato a un professionista) arriva il momento di lanciare il negozio sul mercato.

Potresti pensare di creare hype intorno all’e-commerce con una campagna di marketing mirata, o magari creare coupon e sconti per i primi acquirenti.

Oltre alla strategia di marketing assicurati anche di attivare tutte le procedure per il regolare funzionamento del tuo negozio. Assicurati che il customer care sia attivo, il processo di pagamento funzioni correttamente, il sito sia veloce e navigabile, i prodotti chiaramente visualizzabili e, in generale, presta attenzione a ogni aspetto del negozio.

 

Hai bisogno di creare un e-commerce? Contattaci per una consulenza!

Come abbiamo visto in questa guida e-commerce, i negozi online rappresentano un’enorme opportunità, a patto di seguire ogni passaggio con attenzione.

Aprire un e-commerce, infatti, è un’attività che richiede numerose operazioni e in cui nulla può essere lasciato al caso.

Che sia la creazione vera e propria, la gestione, la promozione o la vendita vera e propria, ogni fase richiede competenza e attenzione.

Hai bisogno di creare e ottimizzare un e-commerce?

Contattaci ora per una consulenza!

Da anni ci occupiamo di creare e lanciare sul mercato negozi online che siano performanti e di successo.

I nostri sviluppatori esperti valuteranno insieme a te la tua idea per creare l’e-commerce che hai sempre sognato!

Truccone Davide

Sono Davide Truccone Imprenditore e Project Manager di Unidevs.
La nostra agenzia nasce da un'idea ambiziosa, innovativa, fornire assistenza a 360° gradi alle piccole imprese italiane che hanno bisogno di figure estremamente qualificate.

https://www.unidevs.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.